I borghi più belli della Sicilia

Da minuscoli villaggi di pescatori a borghi montani passando per cittadine collinari: ecco i 15 borghi da non perdere in Sicilia, tra località note e non.

C’è una Sicilia nota a tutti, quella del mare cristallino, dei tramonti di fuoco, dei templi millenari e del cibo tra i più buoni d’Italia. Poi c’è una Sicilia su cui il turismo di massa non ha ancora puntato i riflettori: è quella dei borghi dell’entroterra e dei villaggi sulla costa che vivono ancora di pesca e tradizioni artigiane.

È la Sicilia dei panni stesi al sole, delle case con balconi a picco sul mare, delle viuzze e delle scalinate, dei bambini che giocano in strada e degli anziani fermi sulla porta di casa. Luoghi dove c’è poco da fare, la vita scorre lenta e si apprezzano le piccole gioie della vita quotidiana.

La Sicilia è un’isola molto grande e solo una parte viene esplorata dai turisti. A eccezione dell’Etna e di poche altre zone naturalistiche di richiamo, le zone montane sono quasi completamente ignorate; stessa sorte è capitata anche a molti paesini di pescatori che non sono diventati località balneari famose.

Visitare questi borghi è una meravigliosa opportunità per connettersi con l’anima più autentica della Sicilia, respirare aria sana a pieni polmoni, gustare bontà genuine preparate con gli ingredienti del territorio e scoprire una calda ospitalità.

Ovunque andiate, a nord, sud, ovest o est, c’è un paesino della Sicilia che merita di essere esplorato.La nostra lista dei 15 borghi più belli della Sicilia vi porterà nei luoghi da non perdere citati in tutte le guide turistiche e nelle perle ancora inesplorate.

Potrete ammirare capolavori artistici di richiamo internazionale o dedicarvi all’arte del dolce far niente, unirvi a comitive di turisti armati di selfie stick o rifugiarvi in oasi di pace tutte per voi.

Erice

Erice non è la Sicilia che vi aspettereste: questa incantevole cittadina arroccata su una collina alta ben 751 metri vi sorprenderà con la sua bellezza medievale che ricorda un borgo del Centro Italia, ma è profondamente siciliana nelle origini e nelle atmosfere.

Fondata in tempi antichissimi, fu per secoli il centro del culto dedicato a Venere (Afrodite per i greci), la dea della fecondità e la protettrice dei naviganti; il tempio a lei dedicato è oggi un hotel di lusso. La cittadina si raggiunge con un affascinante viaggio in funivia dal centro di Trapani ed è stupenda da visitare anche in inverno.

Maggiori informazioni

Cefalù

Il top per una vacanza di coppia in Sicilia è Cefalù, un incantevole borgo lungo la costa settentrionale dell’isola (provincia di Palermo) dove gli scorci romantici abbondano a ogni angolo. La sua stretta spiaggia delimitata da una fila di caratteristiche case color pastello alle cui spalle sorge un’imponente rocca è una delle immagini più note della Sicilia.

È il luogo ideale per lasciare che lo sguardo si perda all’orizzonte, per ammirare il cielo che si tinge di rosa nell’ora del tramonto e per godersi la brezza marina da una terrazza vista mare. Ma è anche una città ricca di storia e di capolavori artistici, tra cui una splendida Cattedrale arabo-normanna dichiarata Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Maggiori informazioni

Noto

Noto è una tappa imperdibile per tutti gli appassionati d’arte: questa cittadina nell’entroterra siracusano è universalmente considerata la capitale del barocco in Sicilia. L’origine della sua fama è un tragico evento, il terremoto che nel Seicento devastò la parte sud-orientale dell’isola. Come molte altre città, Noto fu rasa al suolo e ricostruita secondo il gusto elegante ed opulento dell’epoca.

Le sue dimore signorili, le fontane, gli archi e gli altri splendidi edifici del centro storico costruiti con la pietra bianca locale, caratterizzati da forme sinuose, convessità che creano artistici chiaroscuri e sfarzose decorazioni sono degli eccezionali soggetti fotografici.

Maggiori informazioni

Modica

Uno dei borghi più golosi di Sicilia è Modica (provincia di Ragusa), la patria del cioccolato di qualità. A questa prelibatezza locale è dedicato un museo dove potrete conoscerne la storia, gli ingredienti e le fasi di lavorazione; l’altra attrazione a tema è la storica Dolceria Bonajuto, la cioccolateria più antica della Sicilia.

Oltre al gusto, Modica saprà soddisfare anche la vostra vista: è una città multistrato, posta alla confluenza di due fiumi, particolare da vedere. Le sue case addossate le une alle altre sono costruite sfruttando cavità naturali della roccia e creano un effetto d’insieme davvero spettacolare.

Modica è inoltre una tappa imperdibile di ogni tour letterario della Sicilia. Qui nacque il poeta Salvatore Quasimodo e la sua casa natale è stata trasformata in un museo.

Maggiori informazioni

Sciacca

La cittadina di Sciacca concentra le diverse anime della Sicilia: lo sfarzo dei palazzi barocchi, l’affascinante caos delle medine arabe, i colori e gli odori delle barche dei pescatori, i bar con i tavolini all’aperto dove oziare gioiosamente per ore.

È una caratteristica cittadina dalla forma ad anfiteatro in provincia di Agrigento, a metà strada tra la Valle dei Templi e Selinunte. Perfetta come base per visitare alcune delle attrazioni più famose lungo la costa sud della Sicilia o come tappa per spezzare un lungo viaggio in auto.

Maggiori informazioni

Marzamemi

Il piccolo borgo di Marzamemi sorge in un punto molto particolare, laddove il mar Jonio incontra il mar Mediterraneo (provincia di Siracusa). Con una posizione così, dal profondo significato simbolico, era inevitabile che questo tranquillo villaggio di pescatori diventasse una meta turistica di forte richiamo.

Potete facilmente ritrovare le tracce di un passato non lontano in cui la pesca era l’unica importante attività economica nelle barche e nelle botteghe artigiane di lavorazione del pesce spada e del tonno sparse per il paesino. A queste si sono aggiunti i ristorantini per i turisti, i b&b di charme e altri servizi per un turismo esclusivo e non esattamente economico. Il fascino di Marzamemi, fortunatamente, è ancora intatto.

Maggiori informazioni

Isola delle Femmine

Tra i borghi marinari della Sicilia uno dei più belli si trova a poca distanza dalla caotica città di Palermo. È Isola delle Femmine, un tempo tranquillo villaggio di pescatori e oggi meta balneare nota ma ancora tranquilla, ideale per chi vuole godersi il mare e la natura senza i fronzoli della mondanità.

Le attrazioni del borgo sono il suo caratteristico porticciolo, perfetto per passeggiate di prima mattina o al calar del sole, e l’isolotto che sorge di fronte alla spiaggia principale, sede di una riserva della Lega Italiana Protezione Uccelli.

Maggiori informazioni

Punta Secca

Una scena del Commissario Montalbano ambientata a Punta Secca

Punta Secca non è forse tra i borghi più belli più Sicilia ma è diventato uno di quelli che tutti vogliono vedere. È molto antico? Sorge in una posizione particolare? Ha attrazioni culturali degne di nota? No: è il paesino di mare del commissario Montalbano.

L’elegante villa bianca con vista sulla spiaggia che nella famosa serie televisiva è la casa del protagonista si trova qui, a Punta Secca (frazione di Santa Croce Camerina, provincia di Ragusa). Potete anche dormirci, se volete: è un b&b di lusso. Oppure potete ammirarla da fuori e poi prendere esempio dal personaggio interpretato da Luca Zingaretti: farvi una bella nuotata e regalarvi un succulento pranzo a base di pesce nel ristorante chalet, ribattezzato “Enzo a Mare” nella serie televisiva.

Aci Trezza

Aci Trezza è un borgo lungo la costa orientale della Sicilia (provincia di Catania) che nei secoli è stato fonte di ispirazione per poeti, scrittori e registi famosi.

La sua attrazione-simbolo sono otto faraglioni di roccia scura d’origine lavica che spuntano da un mare di uno splendido colore blu. Secondo il mito omerico sono i massi lanciati dai ciclopi contro le navi di Ulisse in fuga. Secoli dopo, fu Giovanni Verga ad ambientare una delle sue opere più famose in questo borgo di pescatori e più tardi ancora Luchino Visconti venne qui a girare le scene più importanti del suo film “La Terra Trema” ispirato al capolavoro di Verga.

Pur essendo oggi una località balneare molto popolare, soprattutto tra chi ama fare immersioni, Aci Trezza non è molto cambiata dalla tranquilla cittadina ripresa negli anni Quaranta del Novecento dalle cineprese di Visconti.

Gangi

Per alcuni è la perla delle Madonie (una dorsale montuosa nella Sicilia settentrionale), per altri Gangi si meriterebbe il soprannome di “paese dei belvedere”.

Situato nell’entroterra della provincia di Palermo a circa 120 km dal capoluogo, è un classico paesino di impronta medievale che sorge sulle pendici di un monte ed è racchiuso da una cinta muraria. Ciò che lo rende unico è la sua particolare posizione sul Monte Barone, rivolto verso l’Etna. Da qualunque lato volgiate lo sguardo vi si presenterà davanti agli occhi una vista magnifica che può essere il gigantesco monte Etna, la cascata di tetti del centro storico o una verdissima vallata.

Per innamorarvi perdutamente di Gangi seguite la Via degli Odori, un itinerario sensoriale del centro storico che permette di inebriarsi del profumo di 30 diverse piante aromatiche ed officinali.

Petralia Soprana

Un altro gioiello delle Madonie è Petralia Soprana, un borgo dall’urbanistica medievale che sorge a oltre 1100 metri di altezza. Da lontano sembra una roccaforte normanna, ma una volta entrati nel centro storico troverete eleganti palazzi in pietra sapientemente adornati dagli abili artigiani della zona.

Immerso in una natura incontaminata e ricchissimo di tesori architettonici e artistici, è stranamente sfuggito all’attenzione del turismo di massa. Approfittatene per vivere ore di totale relax: basta passeggiare per le vie lastricate del centro storico e respirare aria pura, non serve altro per essere felici!

Nella vicina frazione di Raffo si trova un’enorme miniera di salgemma da cui ancora oggi viene estratto il celebre sale di Sicilia.

Milazzo

Il nome di Milazzo è noto a molti viaggiatori che, innamorati del bel mare, regolarmente scelgono la Sicilia come meta delle loro vacanze, eppure questo borgo sulla costa nord (provincia di Messina) non rientra mai nella lista delle località siciliane da vedere: per tutti è solo il porto per le Eolie.

Invertite la tendenza e fermatevi a Milazzo una mezza giornata o più. Iniziate la vostra visita dal Castello: si tratta in realtà di una cittadella fortificata che si estende per ben 7 ettari e rappresenta uno dei complessi fortificati più importanti d’Europa. Arroccato in cima a uno sperone roccioso che domina la penisola di Milazzo, è un eccezionale punto panoramico da cui ammirare una splendida vista sul mare.

A pochi chilometri di distanza si trova un’altra attrazione da non perdere: il Santuario di Sant’Antonio da Padova, un edificio dalla facciata rosa costruito a ridosso di una splendida baia. Proseguite a piedi e vi immergerete in un percorso naturalistico che è un tripudio di colori e profumi.

Menfi

La cittadina di Menfi è una base ideale per esplorare la Sicilia meridionale. Stretta in una valle formata da due fiumi, si trova a soli 10 km da incantevoli arenili di sabbia finissima delimitati da dune e arbusti mediterranei. Mare azzurro, verde ma anche cultura: il centro di Menfi è ricco di bei palazzi, chiese storiche e torri che ricordano i tempi lontani in cui la Sicilia doveva difendersi dai pirati.

Da qui in poco tempo si possono raggiungere alcune tra le attrazioni top della Sicilia come la Valle dei Templi, i siti archeologici di Segesta e Selinunte, la riserva dello Zingaro e il borgo di Erice.

Ginostra

Se volete sentirvi fuori dal mondo non c’è luogo migliore di Ginostra. Questo minuscolo borgo di 30 abitanti sull’isola di Stromboli (arcipelago delle Eolie) si può raggiungere soltanto via mare: nessuna strada o sentiero lo collega agli altri due villaggi dell’isola.

Non è altro che un pugnetto di case in tipico stile eoliano con vista sul mare o sul vulcano (i più fortunati hanno entrambe le viste!), dove c’è ben poco da fare oltre alla contemplazione estatica della natura; sono presenti servizi essenziali, due ristoranti e qualche stanza in affitto per turisti che vogliono un’esperienza di pace totale. Niente auto, le merci si trasportano in barca e su asini.

Un vero paradiso per chi cerca tranquillità!

Sperlinga

Se pochi turisti raggiungono Ginostra, ancor meno si avventurano a Sperlinga, paesino situato nella provincia di Enna, una delle meno visitate dai turisti.

Val la pena abbandondare gli itinerari più battuti per vedere qualcosa di unico e scoprire un angolo di Sicilia autentica. Ricavato da una grande arenaria, il borgo di Sperlinga è caratterizzato da numerose grotte e da case che sembrano una cavità naturale della roccia; alcune grotte sono state preservate come testimonianza delle condizioni di vita contadine. C’è anche un castello ricavato dalla roccia: è molto antico (risale al XI secolo) ed è considerato uno dei più belli d’Europa.

Oltre ad ammirare un borgo particolarissimo, a Sperlinga è possibile fare splendide passeggiate nei boschi della zona e gustare cibo genuino preparato secondo antiche ricette e con semplici ingredienti locali.

Mappa

Nella mappa seguente potete vedere la posizione dei principali luoghi di interesse citati in questo articolo.